Ente Parco
Slide fotografica
CondividiFacebookTwitterGoogle+LinkedInemailwhatsapp
Home » Ente Parco

Parco e Rete Natura 2000

La Rete Natura 2000 è un sistema di aree ad elevata valenza naturalistica, con una gestione omogenea del territorio naturale e seminaturale degli Stati membri dell'UE, formato dall'insieme dei SIC, Siti di Importanza Comunitaria (che al termine dell'iter istitutivo saranno designati come ZSC - Zone Speciali di Conservazione) e delle ZPS (Zone di Protezione Speciale).
Essa deve garantire la presenza, il mantenimento e/o il ripristino di habitat e di specie peculiari del continente europeo, particolarmente minacciati di frammentazione e di estinzione e costituisce la principale iniziativa europea volta al mantenimento della biodiversità negli Stati Membri.
L'individuazione dei Siti è stata realizzata in Italia dalle Regioni e Province autonome, con il coordinamento del Ministero dell'Ambiente.
Il principale carattere innovativo della Rete Natura 2000 è rappresentato dalla valorizzazione della funzionalità degli habitat e dei sistemi naturali con una valutazione, oltre che della qualità attuale del sito, anche della potenzialità che gli habitat hanno di raggiungere un livello di complessità maggiore.
In tal senso la Direttiva Habitat prende in considerazione anche siti attualmente degradati nei quali gli ecosistemi presenti abbiano comunque conservato un'efficienza funzionale tale che permetta loro di ritornare verso forme più evolute mediante l'eliminazione delle cause di degrado.
Affinché i vari Paesi siano in grado di attuare adeguate politiche di tutela all'interno della Rete Natura 2000 e rispondere così agli obblighi di conservazione dei propri siti e prevenzione del loro deterioramento, è prevista la possibilità di cofinanziamenti comunitari destinati alla realizzazione di investimenti in infrastrutture, attività, staff e istituzioni.
Il Piano di Gestione costituisce lo strumento attraverso cui sono programmate e regolamentate le attività all'interno del SIC, e la sua redazione è propedeutica anche per l'accesso ad eventuali finanziamenti regionali e comunitari.
Lo scopo cardine del Piano è quello di integrare all'interno del SIC gli aspetti più schiettamente naturalistici con quelli socio-economici ed amministrativi mantenendo in uno "stato di conservazione soddisfacente" il patrimonio di risorse di biodiversità, rappresentato dagli habitat e dalle specie di interesse comunitario.
Lo stato di conservazione è considerato "soddisfacente" quando l'area di distribuzione degli habitat o delle specie sia stabile o in espansione e le condizioni ambientali siano tali da garantirne la presenza e la permanenza a lungo termine.
Secondo la normativa vigente, il Piano di Gestione comprende la descrizione e la valutazione delle valenze naturalistiche, delle minacce e delle criticità, la definizione degli obiettivi e delle strategie gestionali, le indicazioni per la gestione del sito.
Nell'ambito di questo quadro generale, la Regione Abruzzo ha erogato agli enti gestori della rete Natura 2000 ricadenti nel territorio di propria competenza le risorse finanziarie per la redazione dei Piani di Gestione attraverso la Misura 323 del Programma di Sviluppo Rurale della Regione Abruzzo, PSR 2007-2013 - "Tutela e riqualificazione del patrimonio rurale" (pubblicata sul BUR Abruzzo n° 13/2001 del 18/02/2011).
Nella redazione del presente Piano di Gestione si è pertanto tenuto conto di quanto previsto dalla suddetta Misura con particolare riferimento all'Allegato 2 "indicazioni per la redazione dei Piani di Gestione dei SIC e ZPS" e all'Allegato 4 "linee guida per la redazione dei piani di gestione dei siti natura 2000 nella Regione Abruzzo", del Manuale per la gestione dei Siti Natura 2000 del ministero dell'Ambiente e della Tutela del territorio, della pubblicazione "La gestione dei siti della Rete Natura 2000".
Guida all'interpretazione dell'articolo 6 della direttiva «Habitat» 92/43/CEE" della Comunità Europea. Sono state inoltre consultate le pubblicazioni e le linee guida dell'ISPRA (ex INFS) sulle specie e sugli habitat elencate negli Allegati della Direttiva Habitat.
UnescoDiploma Europeologo europarcMinistero dell'AmbienteFederparchi
© 2017 Ente Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio e Molise
viale Santa Lucia - 67032 Pescasseroli (AQ)
Tel. 0863/91131 - Fax 0863/912132
E-mail: info@parcoabruzzo.it - Posta certificata
URP
Privacy
Note legali
Elenco siti tematici
Link